Video

Il caso degli stabilimenti di Lavagna, riaperti i Bagni Lido: parla il proprietario

 

Lavagna. “Finalmente tiriamo un sospiro di sollievo, dopo un disagio totale”. Si esprime così Flavio Giambruno, Bagni Lido Lavagna, dopo il pronunciamento odierno del Tribunale Amministrativo Regionale. Oggi infatti è arrivato l’esito del ricorso: il Tar ha concesso la sospensiva in merito allo stop dell’attività imposta dagli uffici comunali. Lo stabilimento ha dunque potuto riaprire i battenti, così come ieri era avvenuto per i Bagni Tiffany a Cavi. C’è una terza attività balneare di Lavagna, oggetto di chiusura da parte del Comune, che attende l’esito del proprio ricorso.

Come noto, 13 stabilimenti su 23 presenti sul litorale di Lavagna devono sanare vecchie difformità di natura urbanistica o paesaggistica: dopo la deroga ricevuta l’anno scorso, hanno avviato le pratiche ma senza ancora concludere l’iter burocratico. Per 3, dunque, era già arrivato un provvedimento di chiusura. Dopo l’incontro con tutti i gestori, il sindaco, Gian Alberto Mangiante, aveva espresso l’indicazione di vagliare i casi singolarmente. Sul fronte della giustizia, il Tar si riunirà di nuovo il 17 luglio per il giudizio sui casi aperti.

Intanto, la sospensiva “è una grande soddisfazione – dice Giambruno – Siamo ormai in estate e da un giorno all’altro i clienti avevano trovato il cancello dello stabilimento chiuso. E’ da gennaio che seguiamo una serie di pratiche burocratiche, noi abbiamo fatto tutto ciò che si doveva fare ma non abbiamo mai avuto nessun aiuto per risolvere questa situazione; ora invece la nuova amministrazione ha capito il problema e ci ha fin da subito manifestato sostegno. Noi non molliamo”.

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!