News

Ecco le “Sentinelle del Territorio”

Chiavari. Sabato 27 ottobre alle ore 17 la sala presidenziale della Società Economica di Chiavari ospitas la presentazione del libro “Sentinelle del Territorio”, dedicato agli Apuo Liguri, attraverso gli studi e le ricerche dell’Archeoclub Apuo Ligure dell’Appennino Tosco Emiliano, pubblicati dalla Regione Toscana. Le tesi emerse da alcune conferenze, in corso di pubblicazione, sono state tenute presso l’Università di Oxford, dalla presidente del Archeoclub, Angelina Magnotta e al congresso mondiale IFRAO di Arte Rupestre, che ha avuto luogo in Val Camonica ai primi di settembre.

“In tali occasioni – spiegano i soci dell’Archeoclub – studiosi di tutto il mondo hanno potuto apprezzare le impensabili scoperte di sette siti dell’Alta Lunigiana, emersi dal buio di un tempo immemorabile e portati a conoscenza di tutti dall’Archeoclub A.L.A.T.E, con sculture di grande interesse, come il Bassorilievo della Stele, la Navicella Ligustica, che è diventato il logo dell’Associazione, i numerosissimi Chevron, le sculture sessuali, gli Antropomorfi e, non ultima, la scoperta dell’importantissima Scena di Caccianeoliticaincisa su un monolite scolpito su ben tre lati”.

La Liguria è continuo oggetto di attenzione da parte dell’Archeoclub che infatti quest’anno ha coinvolto la Regione in due eventi di rilevo storico e antropologico: a giugno con il collegamento ottico in notturna con fiaccole dialoganti dai Fari di Portofino e dell’Isola del Tino sino al Castello di Rossena nelle Terre Matildiche; a luglio il medesimo tipo di segnalazione ha collegato il sito archeologico di Luni, attraverso l’Alta Via dei Monti Liguri e le cime toscane ed emiliane, con  il Teatro Romano di Veleia, d’accordo con i sindaci e in collaborazione con Valerio Massimo Manfredi che, contemporaneamente all’arrivo della luce, richiamava le gesta dei Romani contro Annibale. Gli eventi citati si rinnovano annualmente, in collaborazione con grandi istituzioni, le Regioni Liguria-Emilia Romagna-Toscana e i Comuni del percorso, il CAI di La Spezia e di Bismantova, MariFari della Marina Militare di La Spezia, la Protezione Civile e le Associazioni Culturali dei territori interessati.

L’Associazione, che non ha fini di lucro, s’impegna costantemente nella ricerca relativa  alla preistoria e alla storia della nostra terra e del nostro humus culturale.

Ad introdurre l’incontro di sabato sarà l’avvocato Daniele Granara; moderatore, Sergio Gabrovec.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!