Pesca ricreativa, l’Europa non cancella nasse e palamiti

Non sono passati, ieri, alla Commissione Pesca del Parlamento europeo, due emendamenti al ‘Regolamento relativo alla conservazione delle risorse della pesca e alla protezione degli ecosistemi marini attraverso misure tecniche’ che avrebbero vietato l’uso dei palamiti e delle nasse nella pesca ricreativa.

«Questa è una buona notizia per tutti gli appassionati di pesca ricreativa, per le migliaia di persone che nella nostra Liguria praticano questa attività», commenta il consigliere regionale di Forza Italia Claudio Muzio, che dà la notizia, precisando che gli emendamenti erano stati presentati da Rosa D’Amato del Movimento 5 Stelle.

Spiega Muzio: «Ho ricevuto comunicazione – di come si è svolta la votazione – dall’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi, a cui ieri mattina, in vista della votazione, avevo scritto una mail finalizzata a sostenere la posizione dei pescatori sportivi. Questa mail ha fatto seguito alla lettera da me inviata a inizio luglio all’on. Comi e ai deputati europei di Forza Italia membri della Commissione Pesca, a cui avevo chiesto di attivarsi con gli altri rappresentanti del PPE in Commissione affinché i due emendamenti in oggetto fossero bocciati. Ricordo – prosegue Muzio – che il palamito è già vietato per le specie altamente migratorie. Introdurre ulteriori misure restrittive avrebbe rappresentato un colpo pesantissimo per la pesca ricreativa».

error: Contenuto protetto!