L’Annunziata di Sestri Levante diventa hub di promozione territoriale

Sestri Levante. Prosegue il percorso di trasformazione e crescita degli spazi dell’ex convento dell’Annunziata, affidati dal Comune di Sestri Levante alla società in house Mediaterraneo servizi che in questi ultimi due anni, caratterizzati da un profondo cambiamento economico e sociale, ha avviato un percorso di ridefinizione degli spazi stessi, con l’obiettivo di renderli sempre più rispondenti alle necessità attuali ma soprattutto alle prospettive future .

Il Polo tecnologico, in primis, con l’insediamento di ulteriori imprese attive nel campo dell’innovazione tecnologica: in particolare l’ingresso di MYW.AI ha rappresentato un punto di svolta con l’obiettivo di attivare sinergie pubblico/privato sui temi oggi all’ordine del giorno nel PNRR, sulle politiche di smart mobilities, economia circolare, smart cities.

In questi giorni è giunta invece a conclusione la sistemazione dei nuovi ambienti per la convegnistica di alto livello, spazi contenuti ma di grande pregio: un ulteriore passo per la valorizzazione dell’intero complesso, con il fine di anticipare le nuove tendenze del mercato congressuale dei prossimi anni. Il convento dell’Annunziata diventa oggi un vero e proprio centro di promozione territoriale, in condizione di ospitare congressi internazionali fino a 500 partecipanti, fiere di piccole dimensioni, matrimoni e cerimonie, workshop ed eventi, oltre a un Polo Tecnologico di rilevanti dimensioni.

La decisione dell’amministrazione di affidare la gestione dell’ex convento dell’Annunziata e di palazzo Negrotto Cambiaso a Mediaterraneo servizi – dichiara la sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio -, nasceva proprio con l’intento di impostare non la semplice conduzione degli immobili ma un concreto percorso di messa in valore degli stessi, capace di essere un volano per l’economia e uno strumento di crescita per l’intera città. Un percorso che oggi appare non solo avviato ma anche solido, che ha portato importanti risultati dal punto di vista economico ma anche da quello della promozione del territorio, che restituisce l’immagine di una città dinamica e attiva, capace di investire sui propri punti di forza e pronta non solo ad accogliere ma soprattutto a capitalizzare i cambiamenti”.

Quando è apparso il Covid, nessuno pensava che il turismo avrebbe subito un colpo così duro come quello che abbiamo vissuto e che ancora stiamo vivendo. Con il prolungarsi della pandemia, ci siamo man mano avvicinati a un cambio radicale del settore e della sua gestione, anche per quanto riguarda il MICE. Seppur in questo momento gli operatori lo percepiscano in piccola parte perché hanno un mercato fondamentalmente nazionale, all’estero ci sono già trasformazioni in atto (incremento delle vacanze brevi, work-holidays, staycation, richiesta di congressi ed eventi sostenibili). Con tutto ciò, diventa palese il bisogno di un ripensamento dell’attuale modello turistico nelle destinazioni” afferma Marcello Massucco amministratore di Mediaterraneo Servizi “Lo smartworking è una tendenza consolidata: la possibilità di organizzare il proprio tempo-lavoro fa sì che partire brevemente in vacanza, per un turismo di prossimità, sia una realtà in forte crescita. Scappare dalla quotidianità e rigenerarsi, è una tendenza che abbiamo già visto durante il 2021 e che crescerà ancora durante il 2022. Questo ha però un impatto diretto sulle destinazioni turistiche: modifica in maniera sensibile la stagionalità di tutto il comparto”.

Mediaterraneo Servizi, dopo aver lanciato negli scorsi anni il marchio “Palazzo Fascie” che continua a essere centro di realizzazione di importanti eventi culturali, ridefinisce quindi l’hub “Convento dell’Annunziata” come punto di riferimento per la valorizzazione turistica del nostro territorio. Parallelamente alla sistemazione degli spazi, la società in house comunale lancia un nuovo marchio, con nuove pagine social Facebook e Instagram, ed anche un nuovo sito dedicato all’organizzazione degli eventi business. Il portale permette sia di gestire le procedure di pagamento online, sia di partecipare da remoto in caso di difficoltà logistiche ad arrivare dall’estero. Il primo evento sarà nella seconda metà di aprile, con un congresso internazionale che vedrà la presenza di quasi duecento partecipanti da tutto il mondo, organizzato in convenzione tra Università di Genova e Mediaterraneo Servizi.

 

Il Convento dell’Annunziata produce attività per circa trecento giorni all’anno, con una presenza costante di non residenti che svolgono attività varie. A fianco dei servizi tradizionali, abbiamo costruito una serie di esperienze enogastronomiche, naturalistiche e balneari che consentano di trasformare ogni nostro cliente in un potenziale ambasciatore turistico per la città” conclude Marcello Massucco “La prossima stagione sarà fondamentale per riuscire ad orientare la promozione territoriale verso il nuovo turismo degli anni Venti del Duemila”.

error: Contenuto protetto!