Meteo, scatta l’allerta gialla per neve

Genova. Prime precipitazioni sulla Liguria con deboli piogge e fiocchi di neve. Alla luce delle ultime uscite della modellistica previsionale Arpal ha, intanto, MODIFICATO L’ALLERTA METEO GIALLA PER NEVE.  Questi i dettagli:

ZONA D (VERSANTI PADANI DI PONENTE): DALLE 17.00 DI OGGI ALLE 2.00 DI DOMANI, MARTEDI’ 15 FEBBRAIO

ZONE E (VERSANTI PADANI DI LEVANTE): DALLE 17.00 DI OGGI ALLE 6.00 DI DOMANI, MARTEDI’ 15 FEBBRAIO

COMUNI INTERNI DELLA ZONA B (CENTRO DELLA REGIONE): DALLE 20.00 DI OGGI ALLE 6.00 DI DOMANI, MARTEDI’ 15 FEBBRAIO

La mattinata è stata caratterizzata dalle prime deboli piogge sparse un po’ su tutta la regione con cumulata oraria di 7.2 millimetri a Riccò del Golfo, nello spezzino. Anche la neve ha fatto la sua prima comparsa, inizialmente sopra i 1000-1200 metri a Ponente ma con “puntate” più in basso e nevischio anche, ad esempio, in Valle Stura e Valle Scrivia. La temperatura minima è stata registrata a Monte Settepani (oltre 1300 metri nel comune di Osiglia, Savona) con -5.2 ma valori negativi si sono registrati in molte stazioni dell’interno: -3.9 a Sassello (Savona), -3.5 a Calizzano (Savona), -2.7 a Santo Stefano d’Aveto (Genova), -1.8 a Cairo Montenotte (Savona), -1.5 a Busalla (Genova), -1.3 a Torriglia (Genova), -0.6 a Padivarma (Beverino, La Spezia). Temperature in calo anche lungo la costa: alle 12.00 Genova Centro Funzionale segnava 7.3, Savona Istituto Nautico 6.8, Imperia Osservatorio Meteo Sismico 7.3, La Spezia 7.9.

Lo scenario previsionale vede un’intensificazione delle precipitazioni dal tardo pomeriggio di oggi su tutta la regione: i fenomeni saranno diffusi, anche moderati con una bassa possibilità di temporali forti a Levante (zona C) e cumulate significative sul centro Ponente ma anche a Levante.

Per quanto riguarda la neve è attesa, con intensità anche moderata, fino a fondovalle sui versanti padani sia di Ponente che di Levante; in serata saranno possibili deboli nevicate sui comuni interni del settore centrale oltre i 200-300 metri.

Attenzione anche ai venti che saranno in rinforzo, meridionali a Levante, settentrionali sul Centro mentre il mare sarà in aumento fino a molto mosso.

Piogge e nevicate proseguiranno anche nelle prime ore della notte su martedì 15 febbraio con fenomeni in graduale esaurimento già dalla mattinata a partire dai versanti padani di Ponente.

Ricordiamo che l’allerta gialla per neve segnala i possibili effetti al suolo, con nevicate deboli su zone sensibili quali i tracciati autostradali e/o nevicate moderate su zone collinari non sensibili con formazione di ghiaccio e gelate diffuse.

QUI potete trovare l’avviso meteorologico emesso questa mattina con tutta la simbologia riferita ai vari fenomeni previsti.

OGGI LUNEDI’ 14 FEBBRAIO precipitazioni diffuse con intensità moderata su C e cumulate significative su ABCE. Possibili rovesci o temporali specie dal pomeriggio con bassa probabilità di fenomeni forti su C. Nevicate moderate fino a fondovalle su D ed E (accumuli fino a 10 cm su zone sensibili, 20-25 cm oltre i 600 m). In serata deboli nevicate su interno B oltre 200-300 m. Su A e C quota neve oltre 800-1000 m con accumuli moderati sui rilievi alpini e appenninici. Venti forti (50-60 km/h) e rafficati meridionali su C, settentrionali su B e parte orientale di A.

 

DOMANI MARTEDI’ 15 FEBBRAIO nella notte residue precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale moderato specie su C. Nevicate deboli fino a fondovalle su DE e su interno B oltre 200-300 m. Sui rilievi di C deboli nevicate oltre 800 m con possibili spolverate a quote inferiori. Venti inizialmente forti (50-60 km/h) e rafficati settentrionali su B e parte orientale di A, in progressiva attenuazione dalla mattinata. Mare in aumento a molto mosso su C per onda lunga di libeccio.

 

DOPODOMANI MERCOLEDI’ 16 FEBBRAIO: dopo una temporanea attenuazione moto ondoso in nuovo aumento fino a molto mosso dal pomeriggio per onda formata di libeccio.

 

Questa la suddivisione in zone del territorio regionale:

A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Val Fontanabuona e Valle Sturla

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida
E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.

Nelle immagini la cartina con le zone interessate dall’allerta (la mappa riporta il massimo livello di allertamento per la zona d’interesse-ad esempio per la zona B viene indicato il giallo perché sono coinvolti i comuni interni).

error: Contenuto protetto!