Santa Margherita ha premiato i suoi studenti più bravi

Santa Margherita Ligure. Anche quest’anno l’amministrazione di Santa Margherita Ligure ha voluto premiare i ragazzi che al termine del percorso scolastico delle scuole medie hanno conseguito il massimo dei voti. La cerimonia tenutasi ieri pomeriggio nel Salone degli Stucchi di Villa Durazzo ha ospitato anche la premiazione della prima edizione del premio In Memoria di Alessio, istituito su volontà della famiglia del giovane sammargheritese prematuramente scomparso, per celebrare i ragazzi delle scuole superiori che, nell’anno 2020/2021, si sono diplomati con il massimo dei voti.

Questo l’elenco dei giovani sammargheritesi usciti dalle medie V.G. Rossi con il massimo dei voti: Catenaccio Ginevra Alessia, Lusardi Michele, Panatti Matilde, Perego Alessia, Pocorobba Aurora, Villa Sofia.
Questi ragazzi hanno ricevuto un buono da 50 euro ciascuno spendibile presso La Libreria di Santa offerto dalla Biblioteca Comunale; un buono per una visita all’Abbazia di San Fruttuoso e un libro sul merletto offerto dalla delegazione Fai Portofino – Tigullio; un viaggio andata e ritorno per San Fruttuoso offerto dal Servizio Marittimo del Tigullio; una visita al Castello della Pietra di Vobbia nel Parco dell’Antola.

I ragazzi sammargheritesi che si sono diplomati con il massimo dei voti alle superiori e hanno presentato la loro candidatura per il concorso In Memoria di Alessio sono: Baroso Pietrofrancesco; Bavestrello Carlotta; Catenaccio Chiara; Moras Benedetta; Pierleoni Davide.
Questi ragazzi hanno ricevuto un buono per un volo su un idrovolante offerto dalla Onlus Voli di Mare; un viaggio andata e ritorno per San Fruttuoso offerto dal Servizio Marittimo del Tigullio; una visita al Castello della Pietra di Vobbia nel Parco dell’Antola.

Il premio In Memoria di Alessio è andato ex aequo a Baroso Pierfrancesco e Catenaccio Chiara che hanno ricevuto un buono per un tablet offerto dalla famiglia di Alessio; un buono da 50 euro ciascuno spendibile presso La Libreria di Santa offerto dalla Biblioteca Comunale e una pergamena dell’Amministrazione comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!