Autocarrozzeria chiusa dalla polizia

Casarza Ligure. Tutto ha inizio nel dicembre dell’anno scorso quando gli agenti della Polizia Stradale di Chiavari controllano un’autocarrozzeria, a Casarza Ligure. Secondo quanto riscontrano gli agenti, i registri del carico e scarico dei rifiuti pericolosi e le attestazioni di emissioni di fumi nell’atmosfera non sono in regola, non sono rinnovate e non sono esistono più.

“Sono documenti ed attestazioni importanti per una carrozzeria, garantiscono che i prodotti assai inquinanti usati nelle lavorazioni non si disperdano nell’ambiente e che i fumi emessi sia limitati e contingentati”, spiegano dalla Stradale. Tuttavvia, non apparendo, all’inizio, alcun danno ambientale effettivo, il titolare aveva potuto sanare la situazione con una multa di 2.500 euro.

Dai successivi controlli, però, è emerso che, poi, lo stesso non aveva ottemperato alle indicazioni ricevuto e la sua attività era, pertanto, da considerarsi abusiva: ieri mattina, gli stessi agenti della Polizia Stradale chiavarese, su disposizione della Procura della Repubblica di Genova – Dr. Ranalli, hanno posto lo stabilimento sotto sequestro preventivo, con l’impianto di verniciatura con i relativi prodotti e le attrezzature utili alla riparazione delle carrozzerie.

error: Contenuto protetto!