I cavalli avetani verso lo status di animali protetti

Il Consiglio regionale ha approvato, con il solo voto contrario di Giovanni De Paoli (Lega Nord Liguria Salvini), un ordine del giorno presentato da Lilli Lauro (Cambiamo con Toti presidente), e successivamente sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta ad avviare un percorso istituzionale che porti al riconoscimento per la “popolazione avetana” di “popolazione inselvatichita (ReWild) della specie Equus caballus” allo status di animale protetto. Lo spiega la nota divulgata, dopo la sessione del mattino, dall’ufficio stampa dello stesso consiglio regionale. Così spiegano ancora da Piazza De Ferrari:

“Il documento impegna, inoltre, la giunta a garantire la tutela, la salvaguardia di tali cavalli da maltrattamenti, bracconaggio e macellazioni clandestine e a ricercare, nei limiti delle spese di bilancio, lo stanziamento di un eventuale fondo che possa assicurare la realizzazione di recinzioni, la collocazione di dissuasori in aree ad hoc, tali da impedire le interferenze dei cavalli con la vita rurale circostante. Nel documento si ricorda che questi cavalli si muovono prevalentemente in aree denominate “comunaglie”, pertanto di proprietà pubblica di cui i frazionisti godono di usi civici, e che l’associazione ReWild Liguria segue da dieci anni le sorti dei cavalli selvaggi avetani e attualmente ha una convenzione con la asl4 per il controllo sanitario previsto da uno specifico progetto finanziato dal Ministero della Salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!