Movida a Chiavari, Santa Margherita e Sestri Levante: due arresti, tre locali sanzionati e cinque persone segnalate

Tigullio. I carabinieri di Chiavari, Santa Margherita Ligure e Sestri Levante hanno effettuato una serie di controlli per contendere il cosiddetto fenomeno della movida. Ispezionati i maggiori centri di aggregazione notturna, il bilancio è di due arresti, tre locali sanzionati e cinque persone segnalate per possesso di stupefacente.

Coordinati dal comando provinciale di Genova, già nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi, i carabinieri di Chiavari e quelli di Santa Margherita hanno espresso uno sforzo operativo che ha consentito, a Chiavari di proiettare sul territorio 10 militari che hanno segnalato alla Prefettura tre assuntori di sostanze stupefacenti, controllare complessivamente 162 persone, procedere a 6 perquisizioni personali e controllare 16 attività commerciali, a Santa Margherita, con l’ausilio della polizia locale e della guardia di finanza, di identificare oltre 250 persone, controllare 2 locali notturni, uno dei quali sanzionato per l’inosservanza delle prescrizioni volte al contenimento del Covid 19, denunciare una persona per guida in stato d’ebbrezza, ritirare due patenti di guida, segnalare alla Prefettura un giovane al quale è stata sequestrata una modica quantità di cocaina, e sanzionarne un’altra che circolava con bevande alcoliche oltre l’orario consentito.

Nella notte tra venerdì e sabato, invece, le tre compagnie del Tigullio, impiegando complessivamente 40 militari con 13 mezzi, hanno proceduto a controlli congiunti presso i tre centri, ottenendo i seguenti risultati operativi: tratte in arresto, a Chiavari, due persone per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale; controllati complessivamente 8 locali notturni, 2 dei quali, uno a Sestri Levante ed uno a Santa Margherita, sanzionati per il mancato rispetto della normativa anti Covid 19; segnalato alla prefettura un giovane trovato in possesso di 6 grammi di hashish; controllate 210 persone e 16 mezzi; eseguite 5 perquisizioni personali.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!