Ospedale di Rapallo, dal rebus dei privati al bar oggi chiuso

Rapallo. Si è parlato della privatizzazione dell’ospedale “Nostra Signora di Montallegro”, oggi, in consiglio regionale. Luca Garibaldi (Pd) ha presentato un’interpellanza “in cui ha chiesto alla giunta come mai, a fronte della scelta strategica di avere un indirizzo ortopedico nell’ospedale di Rapallo, i posti letto in ortopedia siano diminuiti e perché, a fronte di spazi potenziali destinabili ad attivare sino a 53 posti letto, ad esempio per potenziare proprio ortopedia e oculistica, la scelta dell’ASL4 sia stata quella, dopo una prima riorganizzazione, di mettere in locazione spazi vuoti ad un soggetto privato per attività non ancora definite“.

La cronaca è quella dell’ufficio stampa del consiglio regionale, che prosegue: “L’assessore alla sanità Sonia Viale ha spiegato: «L’iniziativa assunta, che è contenuta nel nuovo Piano organizzativo aziendale, fotografa una situazione esistente di dieci posti letto, che già di fatto erano destinati, per una questione di fabbisogno del territorio, a riabilitazione ortopedica. Pertanto non è stata effettuata nessuna diminuzione. E’ stata approvata una delibera il 27 dicembre 2019 dove – ha aggiunto – alla luce di un’analisi della situazione esistente e della necessità di ottimizzare gli spazi, si sottolinea che la realtà di Rapallo deve essere valorizzata per utilizzarli nel massimo rispetto ai bisogni della popolazione»”.

La Asl 4, dal canto proprio, fa sapere che “dal 1 febbraio 2020 è stato ufficialmente aggiudicato il contratto per la gestione del BAR sito all’interno del Polo Ospedaliero di Rapallo al nuovo gestore che, al momento, sta effettuando lavori di rinnovamento nei locali interessati. Si prevede l’apertura della nuova gestione fra circa una settimana. Ci scusiamo per i disagi connessi, evidenziando che i lavori effettuati sono finalizzati a garantirVi il godimento del servizio nel rispetto dei doverosi requisiti di igiene e sicurezza con la prospettiva di un miglioramento della qualità dell’offerta. Si assicura che le macchinette automatiche che distribuiscono bibite e snack sono rifornite regolarmente”.

error: Contenuto protetto!