News

Rifiuti nel traforo Bargagli Ferriere, c’è una denuncia penale

Fontanabuona. Sulla “Autostrada del Mediterraneo”, squadre di Anas sono al lavoro per rimuovere i rifiuti accumulatisi su un tratto di strada, in Campania. In particolare, nelle piazzole. La Fontanabuona non resta indietro e lancia l’appello attraverso un cittadino residente in valle, Carlo Queirolo, che, vedendo la notizia sulla pagina Facebook di Anas, ha interpellato l’ente proprietario della strada, dicendo: “Segnalo che ci sarebbero da pulire anche le aree di sosta all’interno del traforo Taviani, sulla statale 225″. Già, perché nel traforo Bargagli – Ferriere si sono accumulati, da molto tempo, rifiuti di ogni tipo, da ingombranti a copertoni, a inerti. Anas risponde di aver informato il Comune di Bargagli, competente, secondo il gestore della strada, in materia di rifiuti, ma di aver anche presentato denuncia penale contro ignoti. Ora, non resta che attendere gli sviluppi. E soprattutto che qualcuno faccia effettivamente pulizia.

La striscia continua lungo le statali

Intanto, in valle ma non solo, c’è un’altra questione, è quella della striscia nlungo le strade statali. La Fontanabuona è stata la prima, lo scorso settembre, a segnalare la problematica, poi emersa anche lungo la 586 della Val d’Aveto e la 523 di Cento Croci. Anche la Camera di Commercio ha segnalato, già a suo tempo, la problematica per le tante aziende del territorio: nei tratti che prima erano a striscia discontinua e che adesso, dopo la asfaltatura, sono diventati a striscia continua, è impossibile svoltare a sinistra. Ne seguono chilometri di strada, prima di poter invertire la marcia. I Comuni lamentano di non essere stati interpellati. Secondo il consigliere regionale Claudio Muzio, codice della strada alla mano, devono essere loro, i Comuni, sotto i 10.000 abitanti, a stabile la propria segnaletica orizzontale. Anas risponde che, sempre per legge, ci vuole visibilità per consentire il cambio di corsia e che i privati, come i Comuni, possono chiedere deroghe.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!