A Lavagna sono arrivati albero, Babbo Natale e pupazzo di neve

Lavagna. Ristrettezze economiche a Lavagna, come ha spiegato il sindaco Gian Alberto Mangiante, quest’anno la città deve rinunciare all’albero di Natale, arriva però l’idea del Civ Centro Storico Lavagna, che ha coinvolto anche l’Istituto Caboto di Chiavari.

Tutto nasce da Erilde Pino, membro del Civ. In sostanza, sono state realizzate diverse sagome natalizie, da posizionare in alcune zone del cento di Lavagna, per donare comunque alla città un clima adatto a questo periodo.

Stamattina le sagome sono state “consegnate” al primo cittadino, alla vice Elisa Covacci e al consigliere comunale Luca Sanguineti, da alcuni componenti del Civ, oltre ad Erilde, la presidente Loredana Castagnino e il vice, Massimiliano Marrè. Per la ascuola oltre ad un gruppo di studenti ed alcuni inseganti, anche il dirigete Glauco Berrettoni, che per l’occasione, ha voluto conferire ad amministratori e commecianti una targa, a ricordo dell’iniziativa.

Le sagome come detto faranno bella mostra in alcune zone del centro città: in piazza della Libertà, il pupazzo di neve, l’albero dal porticato Brignardello, in piazza Cordeviola la slitta di Babbo Natale, in piazza Vittorio Veneto Babbo Natale che passa al camino.

error: Contenuto protetto!