News

In consiglio regionale De Paoli si defila dalla maggioranza ma Boitano la sostiene

Genova. Con 17 voti a favore (Giovanni Boitano del Gruppo misto e la maggioranza, escluso Giovanni De Paoli della Lega Nord Liguria che si è astenuto) il Consiglio regionale ha approvato la Proposta di deliberazione 107 presentata da Franco Senarega (Lega Nord Liguria-Salvini) e sottoscritta anche da Angelo Vaccarezza (FI) sulla “Abrogazione delle disposizioni sull’attribuzione dei seggi con metodo proporzionale in collegi plurinominali nell’elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica”.

I consiglieri di Pd, Movimento5Stelle e Rete a Sinistra hanno abbandonato l’aula prima del voto.

Quindi, anche la Liguria, con altre Regioni governate dal centro destra, promuove l’indizione di un referendum nazionale per la revisione della legge elettorale.

“Il quesito referendario – come spiega l’ufficio stampa del consiglio – chiede di abrogare le disposizioni del sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica concernenti l’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali con metodo proporzionale. La nuova normativa attribuisce tutti i seggi per la Camera e per il Senato in collegi uninominali, in ciascuno dei quali risulta eletto il candidato che abbia conseguito il maggior numero di voti”.

Il voto di Boitano ha collaborato anche a far respingere gli emendamenti proposti da Pd e Rete a Sinistra, laddove De Paoli si era, egualmente, astenuto. Nel suo intervento, De Paoli (Lega, ovvero proprio il partito che chiedeva il referendum) ha ribadito però il sostegno all’amministrazione Toti.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!