News

Omicidio Olivieri, 30 anni di carcere per ex moglie e per il suo fidanzato

Genova. Trent’anni di carcere per la 36enne Gesonita Barbosa, accusata dell’omicidio dell’ex marito, Antonio Olivieri, avvenuto il 23 novembre del 2017 a Sestri Levante.

Stessa condanna anche per il nuovo fidanzato della Barbosa, Paolo Ginocchio. Per gli inquirenti della squadra Mobile è stato proprio lui ad uccidere Olivieri dopo averlo attirato in una “trappola” nello scantinato del condominio dove viveva.

Ginocchio sarebbe stato convinto a uccidere Olivieri da Gesonita Barbosa che, malata di ludopatia, con la morte dell’ex, pensava – secondo gli inquirenti – di ottenere un’eredità. La pena ha visto confermata la condanna richiesta dal pubblico ministero. Gesonita Barbosa é stata anche interdetta dall’esercizio della genitorialita’.

La sentenza, emessa dal tribunale di Genova, ha stabilito anche un risarcimento di 250mila per il figlio della vittima e per la sorella di Olivieri. “E’ una sentenza che acclara i fatti” ha commentato l’avvocato della parte civile, Stefano De Bernardi.

Nel pomeriggio é arrivato poi il commento anche della seconda parte civile: ” A fronte dell’odierna sentenza – sostiene l’avvocato Giulio Canobbio, difensore della costituita parte civile, sorella di Olivieri – il supplemento di indagini correttamente richiesto dal GIP a fronte della gravità dei fatti, non ha portato ad esiti differenti da quelli emersi nel corso delle indagini. Rispetto a condotte così gravi e violente trovo che la pena inflitta, pari al massimo previsto, sia del tutto proporzionata”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!