Video

Non si riesce a rimuovere lo yacht di Berlusconi. Cosa succede sul lungomare di Rapallo: il punto

Rapallo. Non sono riuscite, oggi, quando poteva essere la giornata decisiva, le operazioni di rimozione dello yacht “Suegno”, la mega barca di Pier Silvio Berlusconi che, dalla mareggiata del 29 ottobre, campeggia in mezzo al golfo di Rapallo. Lo yacht è (più o meno) dritto e perfettamente imbragato ma non si riesce a rimuoverlo e prosegue il dragaggio del fondale.

Gli operatori che lavorano con la chiatta hanno chiesto altri due giorni. In queste ore, non ha nascosto la propria irritazione per il protrarsi delle operazioni, gestite da un consorzio dei proprietari delle barche, il sindaco, Carlo Bagnasco. Nel frattempo, è costante la piccola folla di cuoriosi che segue i lavori dal lungomare.

“Per quanto riguarda gli interventi sul torrante San Francesco – riferise invece l’assessore ai lavori pubblici, Arduino Maini – mancano 4 travi e poi saranno posate tute.

In Via alla Torre Civica stiamo finendo la pavimentazione in pietra e per fine mese sarà concluso l’intervento sul lugomare nela zona delle Rane e del Castello. Sulla parte pedomnale del lugomare è iniziato il  rifacimento del cordolo per il sostegno delle ringhiere, indispensabile perchè ai primi di aprile Iren procederà ad asfaltare tutta la parte rossa”.

 

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!