News

Il programmma di Carannante: sì a referendum e al Parco di Portofino

Rapallo. Andrea Carannante, candidato sindaco delle liste “Libera Rapallo” e “Rapallo Civica”, sta dando indicazioni di punti importanti del proprio programma elettorale.

Oggi, lancia il referendum consultivo cittadino, da attuare senza un quorum per la validità: “Noi di Libera Rapallo – Rapallo Civica riteniamo che i cittadini debbano essere sempre al centro del progetto di governo della città, interpellandoli direttamente sulle scelte da adottare per una migliore gestione della cosa pubblica, e senza quindi far ricadere su di loro gli effetti di decisioni prese dall’alto.

E proprio per far comprendere che per noi conti il valore della proposta, e non l’appartenenza politica di chi la proponga, abbiamo ritenuto che il “regolamento sul referendum consultivo comunale senza quorum” dei Cittadini Attivi Rapallo sia un testo completo in ogni sua parte, e ben strutturato”.

Ieri, aveva spiegato le ragioni del favore all’allargamento dei confini del Parco di Portofino, sino a comprendere Rapallo nella nuova area protetta nazionale: “Un parco è il miglior strumento di sviluppo territoriale disponibile, capace di rispondere alle esigenze del nostro territorio, ossia dare valore all’ecosistema e portare risorse per permettere alle comunità di continuare a viverci e prendersene cura.

Il territorio avrebbe una maggiore visibilità a livello nazionale e internazionale grazie al Parco, possiamo prendere in esempio il Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Negli ultimi anni il turismo sostenibile e l’eco-turismo hanno preso piede, la ricerca di Univerde ha infatti registrato il boom dell’interesse per il turismo ecologico, la natura, i parchi, la riconversione ecologica delle realtà ricettive, ma anche una crescente preoccupazione, specie nei giovani, per i danni che il turismo può causare all’ambiente.

La sostenibilità della vacanza è considerata una necessità dall’83% degli italiani, mentre il 63% degli intervistati (percentuale che tra i giovani sale oltre l’80%) indica la cementificazione come il primo dei danni che un turismo mal gestito può causare all’ambiente. Ad essa si aggiungono però molte altre minacce possibili, in particolare per quanto riguarda le emissioni di Co2 e l’effetto serra. All’ecoturismo si collegano il trekking, le attività sportive in natura, la visita ai borghi storici e la ricerca dei prodotti enogastronomici locali.

 Quindi un Parco Nazionale potrebbe essere un volano per l’economia locale e destagionalizzando l’offerta turistica si potrebbero creare nuovi posti di lavori. Si potrebbero ottenere fondi attraverso “Psr” (Piano di Sviluppo Rurale) della Regione Liguria per recuperare e valorizzare la rete sentieristica locale, per la pulizia dei boschi, per le opere contro il dissesto idrogeologico, per incrementare le attività agro-silvo-pastorale ecc…  Si potrebbero trovare nuove risorse (pubbliche e private) che hanno effetti diretti e indiretti sulla creazione di posti di lavoro, sulla possibilità di proporre nuovi progetti e idee.

Le frazioni collinari, San Martino di Noceto, Chignero, Sant’Andrea di Foggia, Montepegli, San Maurizio dei Monti, ovviamente i nuclei abitativi resterebbero fuori dalla perimetro del parco, così da non essere legati ad ulteriori vincoli, però si potrebbero avere nuove risorse per mantenere e tramandare il patrimonio paesaggistico, storico e culturale della comunità, cosi da combattere il degrado e l’abbandono in cui oggi alcune di esse versano (abbandono di rifiuti e materiali inerti, miglioramento della viabilità, ecc…) creando sinergie e mettendosi in rete con altre realtà a favore di nuove capacità, opportunità e visioni.

L’iter per la formazione del futuro Parco Nazionale deve avvenire secondo un processo incentrato sulla concertazione tra le varie comunità locali e stakeholder per giungere ad un Piano omogeneo che tenga conto delle esigenze di sviluppo delle collettività”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!