News

Bilancio e conta dei danni a Sestri Levante

Sestri Levante. “Sono stati giorni difficili per la nostra città e tutto il territorio – commenta il sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio – da cui usciamo provati ma determinati a ripristinare le condizioni di normalità nel più breve tempo possibile. Abbiamo già fatto richiesta a Regione Liguria per il riconoscimento dello stato di calamità naturale, quantificando contestualmente i primi danni. Si tratta di una cifra che supera i 4 milioni di euro per quanto riguarda la parte pubblica, a cui andranno ovviamente ad aggiungersi i danni dei privati. Gli interventi più importanti riguardano il ripristino e il consolidamento del muro di Renà e delle dighe di Portobello e del porto, che hanno subito danni importanti. Questi giorni hanno però anche rivelato ancora una volta l’estrema disponibilità e l’impegno instancabile di operai e tecnici comunali, degli agenti di Polizia Municipale, delle Forze dell’Ordine, dei volontari della Protezione Civile e di tanti cittadini che hanno collaborato in questi giorni difficili. A loro va il mio ringraziamento più sentito, nella consapevolezza che non ci sono parole per esprimere la gratitudine per l’enorme lavoro che hanno svolto e che continuano a portare avanti.”

Durante la giornata di lunedì 29 e nella notte successiva le squadre di tecnici e operai comunali e i volontari della protezione civile hanno lavorato per la gestione dell’evento calamitoso, con l’obiettivo di mantenere la massima sicurezza possibile sul territorio cittadino. La caduta di 30 alberi ha inficiato in misura minima la viabilità cittadina proprio grazie al pronto intervento delle squadre presenti che sono intervenute con prontezza a liberare le strade. Sono stati messi in campo tutti gli interventi possibili per contenere gli allagamenti anche se purtroppo l’inaudita forza del mare ha reso vane quasi tutte le azioni.

Ieri, martedì 30, al termine della situazione di grave maltempo, sono subito cominciati gli interventi di ripristino e pulizia del territorio.

Nel centro di Sestri Levante le squadre di operai e volontari hanno lavorato con l’ausilio di mezzi meccanici in centro, a Portobello, nell’area dell’hotel Miramare e lungo la passeggiata a mare per procedere alla rimozione dei rifiuti portati dal mare e della sabbia. Analogo intervento è stato portato a termine sia a Riva levante che a Riva ponente. Gli interventi hanno comportato l’utilizzo di bobcat, di 5 pale meccaniche e della presenza di tutti gli operai comunali e diverse imprese appaltatrici.

Al termine delle operazioni di smaltimento della sabbia è previsto il passaggio dell’autospurgo per verificare eventuali ostruzioni delle condotte: questa azione è stata portata a termine a Riva Trigoso nella giornata di ieri e verrà effettuata a Sestri Levante nei prossimi giorni.

È cominciata ieri ed è ancora in atto la posa dei blocchi di cemento per ripristinare le condizioni di sicurezza sulla strada di Renà, che ha riportato il danno strutturale più importante con la demolizione parziale della base su cui poggia la strada a casa della forza del mare. Si è inoltre intervenuti con interventi di pulizia e di ripristino delle condizioni di sicurezza anche sulla strada delle gallerie per Moneglia.

Sempre nella giornata di ieri è stata effettuata una verifica puntuale di tutti gli edifici scolastici cittadini per garantire la presenza delle condizioni di sicurezza per la riapertura odierna delle scuole. È stato chiesto alle Direzioni di non utilizzare le aree esterne agli edifici scolastici così da consentire di terminare la verifica sullo stato delle piante, in modo particolare quelle di alto fusto, presenti nei giardini.

Le squadre al lavoro si sono anche occupate del controllo dei canali e dei torrenti del territorio, procedendo all’apertura delle foci per scongiurare il pericolo di esondazione in caso di nuove piogge. I pronti interventi sull’illuminazione pubblica poi hanno consentito la soluzione di molti dei problemi occorsi in questi giorni: nei prossimi giorni verrà completato il ciclo di interventi per consentire il completo ripristino della normalità.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!