News

Depuratore, Giardini contro il gruppo di Levaggi: “Il destino di Chiavari era già segnato”

Chiavari. Sulla scelta dell’area in fondo alla colmata per il depuratore di vallata, Giovanni Giardini, consigliere di maggioranza, replica alla presa di posizione del gruppo “Noi di Chiavari”. Ecco il suo intervento:

“In data27 dicembre 2015 con un comunicato stampa indicavo Carasco come possibile soluzione dell’ubicazione dell’Impianto del Depuratore di Vallata dell’ Entella.

Garibaldi Silvia, allora, era mia compagna di banco negli scranni dell’opposizione. Non aveva ancora assaggiato la pizza e bevuto il vino bianco dell’entroterra,  dove vagava lei e non io.
Levaggi  era per lei un acerrimo nemico.  Colombo Daniela, si occupava di turismo, acqua e tombini e sognava” la rumenta”.
 Levaggi Roberto aveva un importante ruolo ( assessore all’Urbanistica) in Città Metropolitana.
Perché non è intervenuto a suo tempo per togliere quanto aveva messo a disposizione?
Ossia il territorio di Chiavari per i Depuratore di Vallata?
 Non contento offriva prima Preli poi stabiliva che era meglio il Lido.
Adesso la Garibaldi, colta da amnesia, non rammenta che tanti hanno pensato che fosse veramente uno scherzo!
Purtroppo era vero!
Il Depuratore di Vallata Levaggi lo voleva a Chiavari con il plauso dei Comuni dell’ ATO, ben felici di esaudire il suo desiderio.
Nonostante le lusinghiere offerte di Levaggi, insormontabili per la mia dignità, visto i suoi precedenti nei miei confronti, mi sono apparentato con  Di Capua e ho condiviso i punti programmatici insieme a Partecip@ttiva
Ormai la scelta di Chiavari era obbligata.
Un destino segnato.
Quel destino che vi ha fatto perdere le elezioni.
Con la Maggioranza del Sindaco Di Capua, non abbiamo preso una decisione incomprensibile , ma una soluzione al problema da voi lasciato”.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!