News

Tennis, Aon Challenger: il next gen Piros elimina Bellucci. Pellegrino nel tabellone principale

Genova. Dodici italiani nel tabellone principale dell’Aon Open Challenger Memorial Giorgio Messina, con l’ingresso di Andrea Pellegrino artefice di una piccola impresa. Pellegrino ha ribaltato un pesantissimo 6-0 nel secondo incontro di qualificazione di oggi – dopo aver battuto nel primo match, Alessandro Petrone ((6-1, 6-3 in 54 minuti) – aggiudicandosi seconda e terza partita ai danni del brasiliano Joao Souza, trentenne di Rio. Un’impresa, si diceva, perchè dopo aver assistito al primo set, incolore e perso a zero in 28 minuti, in pochi avrebbero puntato un euro sul pugliese di Bisceglie. Ed invece, la partita che non ti aspetti con un pizzico di polemica con l’arbitro a causa di un violento scroscio di acqua durante il quale ha chiesto di sospendere ma che, invece, è stato bloccato solo dopo la richiesta del carioca. In 50 minuti l’italiano rimette in pari l’incontro (6-3) poi piazza la zampata finale al nono game quando brekka l’avversario e porta a casa la vittoria (6-4), in 2 ore e 21 minuti. Game, set and match con anche cinque punti Atp come “premio” per essersi qualificato.

La seconda notizia del giorno, uscita sempre dalle qualificazioni, è la sconfitta, inaspettata, di un altro brasiliano, Tomaz Bellucci, trentenne, stoppato dal next gen ungherese  Zsombor Piros, 18 anni.

Il tennista di Budapest in due ore e 4 minuti ha messo a segno il colpaccio: sbarrando la strada al brasiliano ex 21 del mondo (3-6, 6-4, 6-4) e guadagnandosi l’accesso al main draw.

Da domani alle 10,30 si parte con i sedicesimi di finale sui rossi genovesi di Valletta Cambiaso, e fra il pomeriggio e la sera ci saranno i match di cartello. La testa di serie numero uno, il francese Benoit Paire, 56 del mondo, se la vedrà con l’italiano Stefano Travaglia (141 atp), umbro-marchigiano mercoledì. A Travaglia serve una partita solida: match difficile, non impossibile. Piacevole dovrebbe essere il confronto fra due trentenni, Dustin Brown, il bel tedesco apprezzato a Genova anche dal gentil sesso, e lo spagnolo Pablo Andujar. Match in programma alle 18.

Secondo la classifica lo spagnolo, terraiolo per antonomasia, ha più chance ma il teutonico con la sua caratteristica testata di “dreeds” ha un gioco istintivo con il quale solitamente chiude lo scambio entro tre colpi.

Derby per Paolo Lorenzi (nella foto principale in alto) contro Salvatore Caruso mercoledì: parte da favorito il toscano trasferitosi in Florida per allungare la carriera. Mentre Filippo Baldi se la vedrà domani alle 21 contro il numero 71 del mondo, Martin Klizan. L’unico qualificato fra gli italiani, Pellegrino, scenderà sul rosso di Valletta Cambiaso contro il ceko, Lukas Rosol.  Attesa per Stefano Napolitano, contro l’indiano Sumit Nagal e Lorenzo Sonego opposto a Stephane Robert.

L’italiano Stefano Napolitano

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!