News

Vuoi iniziare a cacciare? Non paghi la tassa

cinghiali

Si incentiva l’inizio dell’attività per un singolo cacciatore. La norma approvata in consiglio regionale oggi, infatti, esenta dal pagamento della tassa di concessione regionale per l’abilitazione venatoria, per il primo anno.

Secondo l’assessore  Stefano Mai, si tratta di “un piccolo incentivo che nasce con l’obiettivo di invertire il trend di calo nel numero dei cacciatori in Liguria, passati da 20 mila di 6 anni fa agli attuali 15 mila. La presenza e l’attività dei cacciatori è fondamentale per la tutela delle biodiversità, del territorio, delle attività agricole, che oggi sappiamo essere sempre più minacciate dall’invasiva e incontrollata presenza di ungulati”.

Ha votato contro solo il Movimento 5 Stelle. Marco De Ferrari parla di “ennesimo regalo di Toti alla lobby della caccia” e di “una norma che contrasta palesemente con l’articolo 23, comma 2, della legge nazionale 157/1992, la quale fissa il minimo richiedibile alla metà della tassa di concessione governativa, pari a 168 euro: quindi non meno di 84 euro”.

Spiega il proprio voto a favore Giovanni Boitano: “L’abbandono di molte zone dell’entroterra finisce per penalizzare gli agricoltori – conclude Boitano – in quanto la presenza dei cacciatori rappresenta da sempre un utile strumento a favore del presidio del territorio anche in chiave di prevenzione di incendi boschivi”.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!