News

Antonio Rodà parzialmente assolto: non c’è l’associazione a delinquere

Lavagna. Rimane solo la condanna (4 anni e 4 mesi) per spaccio di stupefacenti per Antonio Rodà, uno dei lavagnese coinvolti nell’inchiesta “Conti di Lavagna”.

Il giudice di secondo grado lo ha assolto invece dall’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. La vicedna processuale di Rodà, difeso dall’avvocato Claudio Zadra, cammina in maniera indipendente da quella degli altri 19 coinvolti, perché l’uomo ha scelto il rito abbreviato e così, mentre per gli altri il processo è alle prime battute, il suo è già giunto in Appello.

C’è attesa, a questo punto, per la pubblicazione delle motivazioni, che arriveranno entro 90 giorni, per capire esattamente le conclusioni del giudice di secondo grado circa la presenza o meno di una associazione di stampo mafioso a Lavagna, che è un cardine dell’inchiesta e di tutto l’impianto accusatorio.

In primo grado, riconoscendo anche l’associazione a delinquere di stampo mafioso, Rodà era stato condannato a 14 anni e 8 mesi.

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!