News

Scuola di Ferrada chiusa dal sindaco: si progetta la sua ricostruzione completa

Moconesi. “Onde evitare qualsiasi rischio per i bambini, per il corpo docente e non, abbiamo deciso di inibire l’utilizzo della struttura a fini scolastici finché la stessa non sarà messa in piena sicurezza (a tal fine stiamo già elaborando i progetti necessari e cercando i relativi fondi)”.

Così, su Facebook, il sindaco di Moconesi, Gabriele Trossarello, annuncia che la scuola primaria di Ferrada viene dichiarata inagibile.

Nel giro di pochi giorni, secondo quanto si legge sul Secolo XIX di questa mattina, verrà depositato il progetto per abbattere e ricostruire completamente tutto il corpo vecchio dell’edificio, soluzione giudicata la più completa ed efficace.

Questo, perché “durante i lavori di ampliamento della scuola elementare di Ferrada, alcune verifiche tecniche mirate hanno rilevato una carenza -dal punto di vista sismico- della parte vecchia della struttura”.
Insomma, l’edificio è risultato non essere in linea con le norme anti sismiche e l’amministrazione comunale ha deciso di affrontare e risolvere il problema radicalmente.

Nel frattempo, durante la fase dei lavori che, si spera, potranno essere finanziati da contributi statali, la scuola primaria verrà temporaneamente spostata altrove: “Utilizzeremo – riprende Trossarello – i locali posti al piano primo della attuale scuola media di Gattorna, di cui abbiamo verificato la disponibilità, previe le opportune modifiche. Potrà anche esserci qualche disagio, ma riteniamo che in casi come questi la sicurezza vada messa al primo posto, senza se e senza ma. Meglio dieci cautele in più che una in meno”.

Torna su
error: Contenuto protetto!