News

I vertici di Atp durissimi contro il Pd: “Loro volevano cedere il servizio ai privati”

Carasco. Risposta politica e dura, da parte del presidente di Atp Esercizio, Enzo Sivori, ai consiglieri regionali del Pd Sergio Rossetti e Luca Garibaldi, che avevano lamentato i disservizi nel trasporto pubblico locale, in particolare in Fontanabuona.

Sivori  ha affidato la replica ad un comunicato stampa che recita: «Fa specie che questo intervento arrivi proprio nel momento in cui l’azienda sta facendo il massimo sforzo per soddisfare le richieste degli utenti e sta intervenendo positivamente sul servizio di diversi territori, tra i quali la Fontanabuona. Se l’azienda fosse caduta nelle mani dei privati, come tra l’altro auspicava a suo tempo il consigliere Rossetti, il servizio nell’entroterra semplicemente non ci sarebbe più. Credo che davvero in questo caso valga il vecchio adagio “un bel tacer non fu mai scritto”. Noi, comunque, continuiamo a pensare alle persone che viaggiano sui nostri mezzi e non ai politici in cerca di visibilità, per questo stiamo utilizzando le maggiori risorse arrivate da Regione Liguria per sostenere il rinnovo del parco mezzi anche con l’autofinanziamento, per cui ai 68 mezzi nuovi finanziati (25 già in esercizio) con risorse specifiche affiancheremo un altra quarantina di mezzi tra nuovi ed usati».

Anche il vice presidente Carlo Malerba critica le politiche della precedente gestione elogiando quelle di Marco Bucci: «Si rende necessario chiarire che i disservizi che si manifestano sulle linee Atp sono figli di scelte politiche sbagliate del passato. Spiace constatare che simili dichiarazioni vengano da parte di chi in un passato anche recente ha sostenuto il passaggio dell’azienda sotto il controllo di operatori privati notoriamente legati al gruppo
Trenitalia. In questo momento l’azienda con il convinto sostegno di Marco Bucci e il supporto di finanziamenti pubblici è impegnata a realizzare, come più volte pubblicamente espresso, un programma di investimenti che
porterà entro fine anno alla riduzione dell’età media del parco mezzi, con la sostituzione di quasi il 30 per cento dei bus in servizio. Comunque l’azienda è impegnata ad ottimizzare le risorse rese disponibili da oltre un anno. Noi – come le altre aziende del tpl ligure – siamo ancora in attesa dei “mitici” bus promessi dalla Regione nel 2013; questa settimana sono entrati in servizio alcuni di questi veicoli, utilizzati proprio sulla linea 15 con soddisfazione sia dei passeggeri sia degli autisti. L’impegno dell’azienda proseguirà per garantire in rapporto con le comunità locali un servizio di trasporto pubblico efficiente e rispettoso dell’ambiente. Siamo convinti che la qualità del servizio possa migliorare attraverso un chiaro confronto con le popolazioni e non affidandosi  a sterili comunicati stampa».

Non può mancare Claudio Garbarino, consigliere delegato ai  trasporta della Città Metropolitana, area Lega: «Il Pd si deve vergognare. Questi consiglieri regionali fanno parte di un gruppo che voleva vendere l’Atp ai privati e possono solo stare zitti e continuare a perdere voti. La linea che stiamo seguendo è quella tracciata dal sindaco Marco Bucci:
ricostruire un’azienda salvata dalle mire del centro sinistra ligure. Quello che colpisce e indigna è che a intervenire siano le persone colpevoli del dissesto in cui abbiamo trovato Atp».

Torna su
error: Contenuto protetto!