News

Arrivano i soldi per ripulire le spiagge dopo il maltempo e per i ripascimenti

Genova. Molto improbabile lo stato di emergenza nazionale, in relazione all’entità dei danni, per l’ondata di maltempo di lunedì scorso, comunque, la giunta Toti ha varato oggi quello a carattere regionale, che permetterà comunque lo stanziamento di somme, se necessario attraverso le accise sulla benzina.

“E’ un primo passo – dice l’assessore alla protezione civile, Giacomo Giampedrone – che ci permette però di attivare procedure di urgenza e più snelle, per consentire ai Comuni di ripristinare i danni che hanno avuto, a partire dalla rimozione del materiale ligneo e dagli abbruciamenti. E’ in corso ancora la fase del computo dei danni che si concluderà entro 15 giorni, quando i Comuni ci comunicheranno lo stato dei fatti e solo allora si potrà capire se richiedere lo stato di emergenza nazionale. L’obiettivo – ha concluso Giampedrone – è quello di ripristinare al più presto il litorale, anche per far fronte al prossimo arrivo dei turisti in vista delle festività natalizie”.

Intanto, sempre oggi, la giunta ha stanziato anche un milione e 193mila euro a 57 Comuni liguri per il ripascimento delle spiagge: è l’intera cifra dell’imposta regionale sulle concessioni demaniali per i litorali della Liguria. Tra i quindici Comuni interessati in provincia di Genova figurano Chiavari (24.140 euro), Lavagna (30.693), Moneglia (16.621), Portofino (984), Rapallo (20.280), Santa Margherita Ligure (28.340), Sestri Levante (29.961), Zoagli (2.675).

Most Popular

Torna su
error: Contenuto protetto!