Via i rifiuti galleggianti dalla baia di Paraggi, finanzia l’accordo anche Pier Silvio Berlusconi

Santa Margherita Ligure. I Comuni di Portofino e Santa Margherita Ligure hanno sottoscritto con i Bagni Fiore, i Bagni Rosetti, l’Hotel Eight Paraggi e la società per lo sviluppo turistico del Tigullio che gestisce il locale Le Carillon un protocollo di intesa della durata di cinque anni volto a eliminare i rifiuti galleggianti dalla baia di Paraggi. Con il documento, i soggetti contraenti si sono impegnati all’acquisto, installazione e conservazione di 250 metri panne antinquinamento da posizionare all’ingresso della baia tramite 4 corpi morti e 50 metri di catena. Il costo dell’operazione è di circa 30 mila euro, di cui 5 mila euro sponsorizzati da Pier Silvio Berlusconi per interessamento dei Bagni Fiore. Al protocollo aderiscono anche l’Area Marina Protetta di Portofino, che ha coordinato il progetto e cura l’installazione delle panne, il Parco di Portofino, l’Ufficio Circondariale Marittimo e Outdoor Portofino, che si occuperà della loro gestione in mare. L’installazione sarà completata entro la settimana anche per dar modo, il 9 luglio, di inaugurare il Miglio Blu di Paraggi con la possibilità ai nuotatori di cronometrarsi sulla distanza del miglio marino. “Paraggi è un’eccellenza naturale, ed abbiamo intenzione di valorizzarla sempre più – affermano i Sindaci di Portofino, Matteo Viacava, e Santa Margherita Ligure, Paolo Donadoni – questo intervento, che è il primo passo di un percorso di tutela e riqualificazione di Paraggi, è sintomatico della nostra volontà di agire insieme agli altri enti e agli operatori privati del territorio: l’unione fa la forza”.

error: Contenuto protetto!