News

L’agenda digitale italiana arriva in Comune a Lavagna

Lavagna. Dopo il Comune di Bagnacavallo, Ravenna, Lavagna è il primo dei Comuni liguri e di quelli non sperimentatori, dove l’ANPR, anagrafe nazionale della popolazione residente, è subentrata all’anagrafe della popolazione residente. Grazie all’impulso del Ministero dell’Interno, alla Società SOGEI quale partner tecnologico ed al lavoro, alla competenza e alla preparazione degli operatori comunali, ufficio CED ed ufficio Anagrafe, nonché dei tecnici di Maggioli, azienda fornitrice del software, l’obiettivo del Commissario straordinario è stato raggiunto: il 7 marzo scorso dopo appena due mesi di attività preliminari, bonifiche dei dati e test di subentro, anche a Lavagna l’anagrafe nazionale digitale entra nel vivo.

Questo importante risultato consente di fornire il contributo dell’istituzione comunale locale alla realizzazione dell’ANPR, che rappresenta un’innovazione di evidente importanza strategica nazionale nel complessivo quadro dell’Agenda Digitale italiana, spiegano dal Comune, volta a favorire il processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione, e il miglioramento dei servizi al cittadino. Il progetto prevede di collegare in rete i circa ottomila Comuni italiani e di gestire l’anagrafe a livello nazionale attraverso un’unica piattaforma. A regime, quando tutti i comuni saranno migrati nell’ANPR, specificano ancora a Palazzo Franzoni, sarà una banca dati fondamentale della popolazione contenente informazioni su tutti i 60 milioni di residenti in Italia. Non solo tutte le amministrazioni locali e centrali, agenzie fiscali, sanità e motorizzazione, e gli enti come ISTAT, INPS e INAIL avranno accesso a un’unica fonte, ma i cittadini stessi potranno fare i documenti in qualsiasi Comune, non più solo quello di residenza.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!