News

Ragazzina accoltellata dal padre, storia di usura al vaglio della polizia

Chiavari. Una storia di usura e la voglia di farla finita: sono i due elementi sui quali si basa il racconto del 40enne originario dell’Ecuador che vive nel Tigullio accusato di tentato omicidio per aver accoltellato la figlia di 12 anni, domenica scorsa. L’uomo, interrogato in carcere, avvebbe sostenuto che da tempo in Ecuador (dove vive la nuova compagna, mamma della ragazzina ferita) gli usurai avrebbero minacciato il resto della famiglia (compagna e due figlie). Gli “strozzini” gli avrebbero prestato soldi (15mila euro) con un interesse del 20% al mese. L‘uomo alla polizia, arrivata in ospedale dopo il ricovero della figlia, aveva raccontato di aver subito un’ aggressione da un nordafricano in un distributore di benzina a Genova e che la figlia era stata ferita poiché si era frapposta tra lui e l’aggressore. La versione non aveva convinto gli agenti che poi lo hanno fermato per tentato omicidio. Il racconto dell’indagato, oggi davanti al pm, verte su un tentativo di farla finita uccidendo anche la figlia. Tentativo svanito dopo il ferimento della dodicenne. La storia, comunque, non sembra convincere gli inquirenti. L’indagine prosegue.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!