News

Bimbo morto per metadone, dure condanne per madre e compagno

Rapallo. Due condanne severe rispettivamente per la madre e il fidanzato, accusati di omicidio preterintenzionale aggravato dal legame di parentela (per la madre) del piccolo Mirò, due anni, morto per aver ingerito metadone. Nell’udienza di oggi, con rito abbreviato, il pubblico ministero del tribunale di Genova, ha chiesto due condanne: 12 anni di reclusione per la madre, Barbara M. e 10 anni e 8 mesi per il compagno, Sasha S.

La coppia, residente a Rapallo, all’epoca della tragedia (31 ottobre 2013) viveva a Bargagli, nell’entroterra genovese. La madre del piccolo aveva chiamato il 118 per chiedere aiuto, dopo aver notato che il piccolo Mirò stava male. Ma quando i medici arrivavano nella loro abitazione per il bimbo non c’era più niente da fare. La sentenza è attesa per il 6 aprile. La coppia è difesa dal legale di Chiavari, Matteo Cereghino.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!