News

Incendi boschivi, Regione: sempre aperta la sala operativa di protezione civile

Genova. Continua lo stato di grave pericolosità a causa degli incendi in Liguria: emanato ieri dalla Regione, si sposta in particolare nel ponente ligure, dove nelle prossime 36 ore è previsto l’aumento del livello di rischio. A comunicarlo sono il presidente Giovanni Toti e l’assessore alla protezione civile Giacomo Giampedrone. Apertura no stop della centrale operativa dell’antincendio boschivo e in aggiunta, della sala della protezione civile, per andare incontro ad eventuali esigenze provenienti dal territorio.

<Per le prossime ore è prevista un’emergenza molto alta, per questo abbiamo deciso di aprire anche questa sala unitamente a quella dell’antincendio boschivo, nel caso in cui ci fosse dare un supporto ai cittadini e ai vigili del vuoco che stanno operando in queste ore>, ha detto Toti. <L’emergenza incendi che interesserà la Liguria ancora nelle prossime 36 ore è dovuta al combinato disposto di due fattori>, aggiunge Giampedrone: <il vento, che sta interessando tutta la regione con raffiche che hanno raggiunto anche 150 km/h sulla costa, e la siccità del terreno. Per questo è indispensabile prestare la massima attenzione a tutti i divieti previsti in questi casi: è vietato accendere qualsiasi fuoco, bruciare materiale vegetale o altro oppure, ancora, mettere in funzione apparecchi elettrici nei pressi delle aree interessate. Come Regione stiamo lavorando per costruire una sala operativa unica, tra antincendio boschivo e protezione civile, per rispondere alle nuove esigenze, dopo la cancellazione del  Corpo Forestale dello Stato, che ci consenta di utilizzare la meglio le professionalità esistenti, recuperando il tempo perduto. Detto ciò la Liguria è la prima regione ad aver stipulato, unica in Italia, una convenzione con i pompieri, che sono presenti nella nostra sala operativa, che sta funzionando al meglio delle sue possibilità>. Ammontano a 57 gli incendi che si sono sviluppati in Liguria da gennaio ad oggi per un totale di 105 ettari distrutti dal fuoco. Sugli incendi avvenuti negli ultimi giorni sono stati coinvolti circa 240 operatori tra antincendio boschivo e vigili del fuoco  e 5 canadair, di cui tre sull’incendio di Pegli, uno su quello di Nervi, uno su quello di Andora-Cervo. Tutti e tre gli incendi sono ancora attivi. Nel frattempo, due nuovi incendi sono divampati a Genova Staglieno e a Varese Ligure in località Caranza.

 

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!