News

Depuratore di Chiavari, Cervini: “Si tratta davvero di una vittoria?”

Chiavari. Depuratore nella zona del Lido di Chiavari, interviene Emilio Cervini, capogruppo di “Libertà è Partecipazione”. <Nelle dichiarazioni del sindaco Levaggi traspare grande euforia e addirittura c’è la rincorsa ad assumersi i meriti di tale scelta: certamente è positivo che i sostenitori di un unico depuratore comprensoriale si siano arresi all’evidenza ed in particolare al buon senso eliminando la soluzione approvata dall’Ato di creare l’opera sulla colmata scegliendo invece i due depuratori di vallata, ma per Chiavari e i chiavaresi si tratta veramente di una vittoria realizzare un depuratore per 140.000 abitanti sotto la piscina del Lido? Immaginare che tutti i liquami fognari di Cavi e di Lavagna, di Cogorno e della Valgraveglia, di Carasco e della Val Fontanabuona, di Leivi e  della Valle Sturla, persino di Zoagli , confluiranno al Lido di Chiavari non mi pare una soluzione poco invasiva e della quale andare così fieri>.

Cervini aggiunge che si tratta di un’area con <un’alta destinazione turistico balneare, a pochi passi dalla foce dell’Entella e che dista solo 100 metri  dalla colmata considerata fino a ieri una zona da preservare. Il fatto che questa amministrazione abbia accettato di trasformare per anni la storica piscina olimpionica in un dormitorio pubblico non significa che non sia inserita in una zona di grande pregio ambientale per l’intera città e per il suo sviluppo. Per quanto mi riguarda, in modo coerente e trasparente, ho sempre combattuto la soluzione dell’unico depuratore comprensoriale sostenuto da tanti amici del sindaco, Gino Garibaldi, Claudio Muzio, Raffaella Paita, sia quando era stato individuato sulla colmatina di Lavagna, sia successivamente nella colmata di Chiavari. Ho sempre sostenuto la scelta dei due depuratori di vallata, non 3 o 4 o 5, e soprattutto,  in tempi non sospetti, mi sono battuto per eliminare da Preli il nostro depuratore ormai vecchio e obsoleto. Inoltre, in più occasioni,  ho ribadito la preferenza per impianti di depurazione lontani dalla costa e da zone ad alto pregio ambientale>. Cervini condivide la richiesta fatta da Giorgio Getto Viarengo, di una urgente convocazione del consiglio comunale di Chiavari, <per un confronto serio, approfondito e documentato prima della riunione con gli altri comuni. Purtroppo,  ancora una volta , la nostra città e le sue aree di pregio quali Preli , il Lido e la Colmata sono state scelte da altri enti e amministrazioni solo per l’incapacità politica e l’arrendevolezza del nostro sindaco>.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!