News

Omicidio di Lumarzo, tutti gli elementi indiziari emersi dalle indagini dei carabinieri

Genova. Omicio di Lumarzo, i carabinieri del nucleo investigativo provinciale di Genova, forniscono nuovi dettagli sulla vicenda. Nel primo pomeriggio di oggi, i militari, al termine delle indagini coordinate dal procuratore capo della Repubblica Francesco Cozzi, e dal sostituto procuratore Silvio Franz, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP. del tribunale di Genova, Paola Faggioni, a carico di Claudio Borgarelli, indagato per l’omicidio di Albano Crocco, scomparso nella mattinata dell’11 ottobre scorso mentre si era recato nei boschi a cercare funghi. Non vedendolo rientrare, come d’abitudine, per l’ora di pranzo, i familiari ne avevano allarmati denunciato la scomparsa temendo un infortunio; le immediate ricerche hanno consentito il rinvenimento del corpo, decapitato, in un bosco non distante dall’abitazione dell’indagato. Le macabre condizioni in cui è stato ritrovato il cadavere, unitamente al mancato ritrovamento della testa, nonostante le minuziose ricerche protrattesi nei giorni seguenti in un’area concentricamente molto vasta e il concorso dei cani molecolari e per la ricerca di cadaveri dell’arma dei carabinieri, hanno determinato l’avvio di un’intensa attività investigativa che ha consentito di raccogliere gravi e concordanti indizi di colpevolezza a carico del nipote della vittima, sul quale si erano concentrate da subito le attenzioni dei militari.

Gli elementi indiziari sono emersi dal confronto tra le dichiarazioni dell’indagato, rese successivamente al ritrovamento del cadavere, e la ricostruzione anche oraria dei suoi reali movimenti l’11 ottobre, confortati in parte dall’acquisizione di alcune immagini estrapolate da sistemi di videosorveglianza individuati lungo l’itinerario che dall’abitazione di Borgarelli conduce a Genova. Tra gli altri, è stato assodato come lo stesso abbia utilizzato cassonetti dell’immondizia posizionati in località diversa e distante da quella da lui indicata. Anche alcuni frame estrapolati dalle telecamere private presenti presso l’abitazione dell’indagato hanno fornito elementi utili alle indagini, come l’arrivo della vittima nonché lo stesso Borgarelli, ripreso mentre nel cortile di casa sposta un pesante sacco nero di immondizia vestendo una tuta da lavoro, mai rinvenuta, diversa da quella con cui verrà visto e ripreso poche ore dopo, con un oggetto occultato al di sotto della manica sinistra dalla forma compatibile con quella di un’arma da taglio tipo machete. Dalle attività tecniche sono emerse alcune conversazioni compromettenti dell’indagato particolarmente significative; inoltre, tra gli elementi acquisiti, anche alcune foto di Borgarelli immortalato con un machete della lunghezza di circa 50 centimetri, legato alla coscia, diverso da quello più piccolo sequestrato presso la sua abitazione. Altresì fondamentale per questa ricostruzione il repertamento da parte dei carabinieri del sangue della vittima nel luogo della decapitazione, individuato nonostante il terreno reso fangoso dalla pioggia e dall’umidità e dalla presenza di fogliame, e l’individuazione di cinque piccole macchie ematiche lungo il tragitto fatto fare al corpo trascinato per terra. Il movente è stato individuato nella conflittualità tra i due soggetti dovuta all’utilizzo di un sentiero passante dinanzi la casa di Borgarelli e dunque all’interno della sua proprietà, usato da Crocco e da altri per cercare funghi o andare nel bosco. Sentiero che si voleva allargare per renderlo più facilmente accessibile e percorribile ai mezzi, andando contro le volontà di Borgarelli, che si opponeva a qualunque tipo di transito e la cui preoccupazione era accresciuta nei giorni antecedenti il delitto poiché temeva un possibile esproprio. Peraltro, aveva anche cercato di ostacolare il passaggio ai mezzi piantando dei paletti e delle reti al fine di restringere la larghezza del sentiero, divelti proprio dalla vittima pochi giorni prima dell’omicidio. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso il carcere di Genova Marassi.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!