Senza categoria

Scende il grado di allerta: arancione

Genova. Nuova comunicazione della protezione civile regionale: stato di allerta arancione, scende il grado di attenzione, e dura sempre fino alla mezzanotte di oggi. Interessa i bacini piccoli e medi della zona C, quindi il nostro coprensorio, con le città della costa del Tigullio, e le località dell’entroterra. Il fronte peggiore secondo gli esperti sembra essere passato ma permane l’attenzione nel Levante, per piogge diffuse e temporali. Allerta gialla per temporali sui bacini della zona B, quindi Genova e Golfo Paradiso.

I venti sono stati i principali protagonisti di questa perturbazione: da un lato la Tramontana, che ha soffiato sul centro-ponente, con raffiche già ieri sera fino a 110 km/h. Di fatto, insieme all’azione del Grecale ha tenuto lo Scirocco ai bordi del bacino del Mar Ligure, spiegano gli esperti, proteggendo il nostro territorio dalle precipitazioni più intense e impendendo la formazione sulla terraferma di linee di convergenza. Tale convergenza, infatti, si è manifestata prevalentemente nella mattinata sul mare, fra le 9.00 e le 12.00, in corrispondenza del Monte di Portofino, ma proprio la forte azione dei venti non ha permesso la formazione di strutture organizzate e, di conseguenza, più pericolose. Nonostante ciò, si sono misurati ben 48 mm/1h a Cabanne, nel comune di Rezzoaglio, fra le 10.20 e le 11.20. Il passaggio del fronte perturbato è avvenuto in maniera molto intensa, accompagnato da rovesci fra moderato e forte e raffiche di vento dovute ai temporali più intensi, i cosiddetti “downburst”, che hanno causato i danni maggiori, con velocità misurate a Fontanafresca, sopra Sori, di 166 km/h e a Bargagli, 153 km/h. Le cumulate complessive dell’evento sono state elevate: 87 mm a Cabanne, 70 mm a Giacopiane. L’arrivo del fronte perturbato sulla Liguria ha iniziato a generare precipitazioni intense. Il fronte transiterà, nelle prossime ore da Ovest a Est interessando tutto l’arco regionale. Le piogge che si sono registrate nelle ultime sei ore hanno raggiunto quantitativi elevati. La sala operativa regionale continua ad essere aperta per tutta la durata dell’allerta.

 

D

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
error: Contenuto protetto!