News

Differenziata a Carasco, giro di vite e controlli sui conferimenti

Carasco. Da metà di giugno il comune di Carasco raccoglie in maniera diretta, con proprio personale e mezzi, tutte le frazioni dei rifiuti solidi urbani, conferendo presso gli impianti del Consorzio Rio Marsiglia la frazione di rifiuti secca separata da quella umida. La gestione è condotta dall’ufficio tecnico, e l’amministrazione comunale, in questo frangente, ringrazia tutti i cittadini che conferiscono correttamente i rifiuti attenendosi alle prescrizioni date tramite il libretto informativo e l’ordinanza del sindaco. Secondo quanto riferito dall’assessore all’ambiente, Aldo Gino Rissetto, dall’osservazione dei primi due mesi di conferimenti sul territorio, la maggior parte degli utenti ha recepito le indicazioni date. <Tuttavia riscontriamo che altre persone invece non rispettano affatto le norme di conferimento dei rifiuti. Tra i maggiori problemi, vengono conferiti nel secco rifiuti che devono essere ancora differenziati, non vengono usati sacchetti codificati o rintracciabili per conferire il secco, vengono depositati nei bidoni dell’umido rifiuti dentro sacchetti non compostabili.

E ancora, vengono lasciati sacchetti di rifiuti fuori dai contenitori oppure nei contenitori sbagliati, vengono abbandonate di fianco alle campane del cartone, scatole intere che andrebbero invece ripiegate ed inserite nelle campane da chi le porta alle isole ecologiche>. Per queste ed altre casistiche di cattivo conferimento il comune fa sapere che nelle prossime settimane saranno effettuati controlli sui conferimenti, a “tolleranza zero”, anche con l’ausilio di nuove telecamere mobili posizionate presso le isole ecologiche. <In questo momento non vogliamo ancora divulgare percentuali e statistiche sulla differenziata, i dati infatti sono fino ad ora parziali ed è importante mantenere alta l’attenzione e l’impegno di tutti per raggiungere le percentuali di conferimento differenziato imposte dalla Città Metropolitana, al fine di evitare l’applicazione di onerose sanzioni che ricadrebbero su tutti gli utenti>, chiude Rissetto.

Premi per inserire un commento

Scrivi una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su